Le Storie


giugno 14, 2017
invito-cena-delitto-ape-regina-nella-salsa

Quel selfie maledetto

Due innamorati, l'imprenditore edile Paolo Verandi e la sua amante segreta Francesca Balconi , entrano nel locale abbracciati, parlando sottovoce e scambiandosi delle tenere attenzioni- Paolo Verandi, uomo affascinante piuttosto che bello, di origini contadine era emigrato in Argentina molti anni fa, ma non essendo riuscito a costruirsi una solida posizione , a seguito dei gravi tracolli economici sudamericani, era rientrato in Italia, dove, grazie all'aiuto delle sorelle Balconi, anch'esse rientrate dall'Argentina, dopo la morte dei loro genitori, riuscì ad entrare nelle grazie della contessina Matilde Terrazzi che lo aiutò , dopo esserselo sposato,a costruire la sua impresa edile.
Francesca e la sorella gemella Elvira, emigrarono con la famiglia in Argentina ancora piccole, dopo la dipartita dei loro genitori, furono costrette a rientrare in Italia dove trovarono una commiserevole accoglienza al servizio domestico dei conti Terrazzi, in quanto da generazioni la famiglia Balconi aveva lavorato come mezzadri nelle risaie della contea.
Paolo e Francesca, che già si conoscevano in Argentina, ritrovatisi, non riuscirono ad evitare di rinsaldare i loro giovanili sentimenti - Così questa sera si sono incontrati in questo ristorante perché avevano un piano, tanto disperato quanto perverso, dal quale sarebbe dipeso il loro futuro.

novembre 7, 2016
ridere-a-crepapelle

Ridere a crepapelle

Benedetto, Cristiano e Crocifissa sono tre colleghi dell’Istituto di Ricerca biofisico di RIGA, città della Russia,forse perché unici italiani del Centro, sono diventati inseparabili… Passano tutti i momenti liberi insieme, vanno in vacanza insieme e si aiutano l’uno con l’altro o almeno, visto dal di fuori, sembra così. Benedetto Paulin, detto dagli amici Neto, è di Venezia, carattere allegro e comunicativo, figlio di un gondoliere aveva ereditato dal padre la Gondola, ma dopo un breve periodo di prova aveva deciso di lasciare Venezia in cerca di fortuna, aveva girato tutta l’ Europa cimentandosi nei lavori più disparati, finché non aveva trovato lavoro come magazziniere nel Centro di Ricerche di Riga e si era così stabilizzato. Cristiano Panettotton, detto CriCri, di Bergamo, ingegnere astrofisico, si era laureato a Milano ed aveva subito trovato lavoro presso il Centro di Ricerche di Riga, grazie al suo ben 110 e lode, carattere schivo e sospettoso nelle situazioni che non conosceva, diventava improvvisamente eccentrico e sicuro di sé nell’ambito del suo lavoro. Crocifissa Figata, detta FruFrù, a volte anche Farfallina, Tesorina, anche Polpettina, di Palermo, diplomatasi al liceo linguistico, svolgeva un delicato lavoro di pubbliche relazioni per il Centro di Ricerche di Riga, graziosa e simpatica, comunicativa e solare, era l’elemento trainante del gruppo.. I tre amici, avevano deciso di accettare l’invito della sorella gemella di FruFrù, ovvero Immacolata Figata, detta Maffi e del suo fidanzato CoCò (Costantino Calabrone – perito chimico) ad una festa in maschera che si sarebbe dovuta tenere in un ristorante – Ahimè, i tre non ci arrivarono mai, perché sbagliando strada finirono in un altro posto…. Questo errore fu probabilmente la causa di tutto quello che dopo successe.

aprile 6, 2016
invito-cena-delitto-ape-regina-nella-salsa

L’ape regina nella salsa

Rosa Maria Flores De Catctus era giovanissima quando venne in Italia da Cuba, sull'onda dei successi ottenuti nella danza sud americana, bella, brava e spregiudicata impiegò pochi anni ad imporsi in Italia fino a diventare per tutti l'unica APE REGINA nella SALSA CUBANA, accumulando una notevole fortuna economica, valutata fra titoli, azioni, immobili e liquidità intorno ai 3 milioni di euro. Alcuni anni fa, Rosa chiese a sua sorella gemella Margherita Maria, di aiutarla in quanto i suoi impegni necessitavano di una organizzazione più attenta...;; a Cuba, Margherita non si occupava di danza ma era una esperta nuotatrice specializzata in immersioni subacquee, giunta in Italia fu costretta a mettere da parte la sua specializzazione a favore di una impegnativa assistenza alla più famosa sorella Inspiegabilmente, dopo pochi mesi dall'arrivo di Margherita Maria Flores De Catctus, la sorella ballerina iniziò ad accusare disturbi del comportamento; depressione, apatia, sbalzi d'umore, aggressività improvvisa seguita da grande spossatezza, Iperattività, confusione, amnesia... al punto che il lavoro iniziò ad essere problematico e difficile. Allora fu chiamato un esperto e famoso dottore in neurologia e psichiatria il dottor Gelsomino Maria Di Palma che tentò di arginare gli effetti devastanti della malattia di Rosa prescrivendole oltre dei farmaci una precisa dieta e proibendole anche di esercitare la professione di ballerina, perchè proprio nel grande impegno profuso nella danza poteva forse celarsi l'innesco dei disturbi psicotici

aprile 6, 2016
invito-cena-delitto-amore-in-prova

Amore in prova

Questa sera, al ristorante prescelto per la festa di compleanno di Bianca Croce, Marcellino Panduvin è stato consigliato dall'amica del cuore di Bianca, Alice, la contessa Rotta Von Grotta, come possibile fidanzato ... dopo una attenta ricerca, fatta dalle due, su i siti di incontri fra cuori solitari. Bisogna subito premettere che la non più giovane Bianca, a causa di una sua innata timidezza e di una sua naturale predisposizione agli studi piuttosto che ai divertimenti, non aveva mai avuto l'occasione di intrattenere galanti relazioni con uomini. Marcellino Pandùvin, professore di letteratura tedesca e più in generale nord-europea, era rimasto vedovo; apparentemente riservato e timido, diventava di colpo intraprendente ed allegro dopo pochi bicchieri di vino questa sera la sua intenzione era quella di domandare la mano della signorina Croce. Alice Rotta Von Grotta, di origini austriache, amica fin dall'infanzia della Bianca, dopo essersi perse di vista alla fine degli studi, si erano ritrovate per caso una sera durante una manifestazione in un caffè letterario dove la signora Rotta von Grotta leggeva delle poesie di Goethe in tedesco...da allora iniziarono a frequentarsi assiduamente...il carattere un pò mondano della signora Alice, la quale si era sposata e divorziata svariate volte, forse 5 o 6, non ricordava bene, le innumerevoli amicizie con artisti e musicisti, facevano anche bene a Bianca Croce che finalmente si era decisa , questa sera appunto forse, ad accettare la mano di un uomo...Si apriva un nuovo percorso di vita, finalmente l'amore arrivava anche per lei? Forse....oppure no. E che ruolo aveva in questa storia la sorella gemella Azzurra?

marzo 8, 2016
invito-cena-delitto-il-ragno-ed-il-suo-bombo

Il Ragno ed il suo Bombo

Il Ragno Granchio dei fiori,"misumena vatia" dal greco misumenos (odio, odiare) e dal latino vatius (piegato, zampe piegate), è un potentissimo e vorace predatore che si mimetizza fra i petali dei fiori... e la femmina ha la capacità di cambiare colore dal giallo al bianco, alcuni riescono anche ad essere screziati di rosso come se avessero delle piccole gocce di sangue sul dorso; il nostro (in inglese) "crab spiders" ribattezzato comunemente Alexander si ancora fortemente con le zampe posteriori, mentre quelle anteriori scattano a ghermire gli insetti che ronzano intorno...un morsovelenoso, dei fori a prosciugarlo, fino a che non ne resti il vuoto esoscheletro Questa sera a cena si incontrano un biologo, la direttrice di un illustre istituto di ricerca scientifica e due giovani studentesse fra loro gemelle... qualcosa mi dice che uno di loro potrebbe diventare........

maggio 9, 2014
invito-cena-delitto-gemelli-bellantonio

I Gemelli Bellantonio

I gemelli Bellantonio, Francesco detto "CICCIO" e Ferdinando ovvero "NANDO" sono nati a Napoli da padre sconosciuto e madre, che per evidenti difficoltà li affidò, ancora in fasce ad un istituto religioso. Le rigide regole dell'istituto poco si confacevano al carattere ribelle dei due gemelli, che presto riuscirono, ancora adolescenti, a scappare dal collegio. Impararono velocemente la dura legge della strada, vivendo di espedienti e piccole "malefatte"; riuscirono sempre a farla franca giocando furbescamente sulla loro somiglianza: erano pressoché identici e magistralmente facevano di tutto per essere "il più possibile" uguali così potevano agire, per le loro truffe, come se fossero una sola persona. Se al contrario desideravano differenziarsi, CICCIO si metteva gli occhiali da miope, faceva il balbuziente e con la chitarra stupiva le ragazze con la bella voce di un cantante "napuletano"; al contrario NANDO si fingeva ricco possidente e "con un poco di erre moscia" diceva di essere l'unico erede di una nobile stirpe baronale. Così facendo, nell'ultimo periodo, si erano trasferiti nel nord Italia adocchiando famiglie benestanti, "composte soprattutto da..." padre, madre e figlia unica. Quella sera la ignara famiglia MOCCAGATTA, si trovava al ristorante per decidere la data delle nozze fra la loro figlia ANDREA REBECCA e il giovane Barone NANDO BELLANTONIO.

maggio 8, 2014
invito-cena-delitto-lo-zucchero-e-le-mosche

Lo Zucchero e le Mosche

E' il compleanno del presidente della famosa casa farmaceutica SALUS SEMPER, il dottor Ernesto Lo Carciofo, ed i suoi collaboratori più fidati gli organizzano una finta "caccia al tesoro"... che si conclude proprio nel ristorante dove ci riuniamo e l'ambito premio che il dottore troverà saranno gli auguri di una avvenente ragazza. Attenzione però, perchè proprio quando la "caccia al tesoro" sembra concludersi, ecco comparire all'improvviso una persona con il volto coperto da una calza di nailon ed una pistola in mano......tutto si complica e quello che appariva chiaro diventa oscuro, le amicizie, gli affetti, le collaborazioni, tutto appare distorto dal potere del denaro, lo zucchero di tutti i tempi e noi le mosche di sempre.