piermario-prandi-
“Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso.”

(Gigi Proietti)

“Lanciato” sul palco nel 1976 nella commedia “Era una paese tranquillo” di Franco Ceppa, suo insegnate di fisica in seconda superiore. Vent’anni dopo inizia la sua formazione artistica e si diploma alla scuola “Il teatro delle 10” di Massimo Scaglione.

Dopo la scuola di teatro entra nella compagnia di teatro dialettale “I tre di picche” dove gli vengono affidati diversi personaggi, dal siculo al francese allo spagnolo che porta avanti con ironia e una “impeccabile” conoscenza delle lingue e dei dialetti. Attualmente collabora ancora con alcune e compagnie dialettali torinesi.

Partecipa con il “Progetto Cantoregi” alla rassegna Teatri di Confine della città di Chivasso con “Gocce d’acqua” di Pier Francesco Poggi. Spettacolo che avrà seguito presso la “Cascina Marchesa” e per una raccolta fondi per “Emergency”.

Partecipa ad alcune fiction televisive, “Il peccato e la vergogna” di Mediaset e “Non uccidere” della RAI, al film “La prima Linea” e alla pubblicità di Sky cinema.

Continua la formazione per affinare la sua vena comica con Debora Villa, e con Barbara Enrichi approfondisce la recitazione cinematografica. Di recente ha partecipato  al Master Workshop con Pupi Avati.

Oltre alle commedie fa “vivere” i personaggi degli scrittori emergenti durante i “reading” dei loro libri, al Salone del Libro, al Circolo dei Lettori, all’ Università di Berna, alle isole Eolie e nella rassegna “Libri in vista”.